Tuesday, December 25, 2012

Veselé Vánoce!

A little late but... Merry Christmas to all! I wasn't feeling very festive this year, but still, I can't deny the charm of Christmas. Not the day itself, which is mostly spent filling our tummies till we explode and chatting with relatives we had forgotten to have. No, this is not what I call "Christmas magic". But the whole family reunited, the candy, spending quality time with people you love, being reminded of how lucky you are to be surrounded by such wonderful people... I don't understand the reason behind the hatred towards Christmas. A lot of people I know only complain about it and say it's just an excuse to be hypocrite and fake, but I don't agree- even though I don't attach to it a religious meaning, I think it's cool that, around the world, people take one day to gather and just be merry. Still, I can't help thinking about the people who can't do all this; recently, I happened to think about the matter several times. Isn't to help each other the only way to make our lives meaningful? Most of the times, happiness is about giving, helping, taking care. You are happy because you love, and love is definitely about giving, wether it's to a partner or to a relative or a friend. We are happy because we feel useful, powerful: we have a reason to work on ourselves- we want to donate the best of us to our loved ones. We want to protect them. A job can be a source of happiness, but it's rarely durable if it's just personal gratification... But how great is to realize that we accomplished something that will help other people? Wether we are talking about a new vaccine or a book translation, I think it's empowering.

Friday, November 30, 2012

Tips to master dressing up during the cold season

Featuring mostly Sessun F/W '12 collection.
Dressing in the winter can be confusing. As for me, sometimes I quickly get dress, go out, do things, catch a glimpse of myself in a window and... scream in horror! Well, okay, I sort of scream inside myself, but... I admit it happens. Most of the time, it's because I chose a total black outfit: black double-breasted coat, black tapered trousers, black oxfords, random bag, grey scarf. I may feel like a French existentialist, or a Rick Owens-Yoji Yamamoto minimalist, but instead I just feel and look... miserable!
I like my coat. It's black, double-breasted, above-the-knee lenght and it has a beautiful collar covered with some leather on the back. I feel good in it. Before buying this coat, I used to be for shorter ones, but let's face it: it's so annoying to have to adjust your outfit depending on the lenght of your coat. You put on a skirt, you like the look, put on your coat to go out and... Help! The coat is shorter than the skirt and the result is... weird. So yes, having an easy-to-match coat to throw over anything is a good start point. When you have this, you can buy any fancy coat you want... And wear them on special occasions, or when you feel like it. It's very difficult not to feel fed up with a patterned coat, if worn every day.

But as I said before, not even the perfect everyday coat alone can be the solution. I found that I feel good if I wear colours. Not necessarily bright colours (I own a red Longchamps bag that I use for uni, and that's it), but any colour: navy, burgundy, beige, jeans... I like the total black, but only if I include interesting fabrics and cuts. I like wearing my black silk sheer shirt with my black trapeze skirt, and I often finish it off with ribbed tights and patent leather shoes.

So, to spice things up, starting from these inspirational pictures I will try to include in my oufits:
  • Converse All Star. I used to wear them as a child/girl, but I just bought a navy pair and I'm excited! After years of serious shoes, they're a breath of fresh air, and perfect with cropped jeans. Just don't wear them when it's snowing...
  • Patterned pants. I still haven't found the perfect pair, but I love them! When you wear a coat for most part of the day, it's a great idea to focus on the legs. Match them with your shoes and, if you feel audacious, wear crazy printed socks.
  • Collars! I know there's a collar craze around, and I'm not totally into it- I don't like them wore on nude skin, and I loathe both the extremely embellished versions and the mormon ones... But a nice collar can really change a dull outfit. Choose a (slightly) studded one, a round one... Or just wear a nice shirt under a sweater or dress. A collar popping out of them adds an interesting touch to your outfit, istantly making it smarter or girlier, depending on its style.
  • Nice boots! How can you not have a nice pair of boots in winter? Choose a good pair, and keep it for several seasons. For me, the quintessential boots are brown, under the knee and made of leather, but... just find your pair and fall in love! 
  • A nice woolen blazer. When a sweater looks too casual, a blazer will do. You won't need to change yourself head to toe or to wear a pencil skirt... You'll just throw your blazer over your shirt/blouse/pullover and you'll instanly feel smarter.
  • Shoes that can be worn when it's raining. I'm thinking of rubber Chelsea boots... Maybe with some (fake) fur inside? So cozy!
  • Corduroy pants. They're the epitome of winter. Worn with winter boots during the day and some ankle boots for going out, they're warm, cozy and just look good. Mustard ones go well with a blue jumper, whereas if you wear a burdundy pair (as seen on a lot of people this winter!), choose a light coloured pullover to brighten them up.
  • Grey ribbed tights. Burgundy tights. Mustard tights. Navy tights. Polka-dotted tights. Striped ones (vertical ones, please). Even optical ones if you like the Sixties... Play with colours and patterns and have fun while staying warm!

Holiday season...with a Russian twist!

The holiday season is approaching very fast, with its pros and cons. Who am I trying to fool? Where are the cons of staying at home, watching piles of dvds, spending time with your family and eating lots and lots of chocolate? I know, I know. But when it comes to Christmas and New Year's Eve parties, fashion nightmares are always at the door! I shiver at the thought of black, too-tight sequined dresses on every single woman, not to mention the overdone make-up (hi glittery eye-shadow!) and cheap heels with enormous plateaux.
I must confess... I'm not good at dressing myself for the holidays, either. I don't mind spending some money on clothes that I know I'll wear, but when it comes to dresses that I will wear twice a year I say to myself that it's not worth. Last year, in late December, I bought a nice Acne purple dress. I wore it on New Year's Eve, and then never again. Why? I found it very difficult to accessorize it! I always pair it with black garments, and the overall result looks a bit dull and depressive. Maybe I should go for some sparkle... but I'm really not that type of girl!
If you're like me, I swear: we have still chances to dress Christmass-y. Instead of focusing on swarowski and paillettes, go for a velvet dress: it's classy, season appropriate and, if it's red, burgundy or dark green, it screams winter holidays! I saw this Carven dress last week, and I couldn't stop gazing. It's merveilleux. It has a very nice cut, not boring at all, it's made of very soft velvet, the colour is perfect (not the red you are sick of after two days) and the small cut in the middle makes up fot the very tight collar. Since I rarely wear colours, I decided to opt for an unusual choice and paired it with these very fun heels, also by Carven. I love their retro vibe, that ribbon and the fact that, although they haven't a huge platform (thank god there is still someone out there who's not into platforms), they don't look dated at all.
To celebrate my love for Russia and to incorporate an ironic detail, I chose this little gem, a Matrioska clutch by Charlotte Olympia. Isn't it the cutest thing?
To top it off, Gaia Repossi earrings: they're baroque enough for the Russian vibe, and they will draw attention... but you won't sparkle!
Dark red lips, a little bit of golden eyeshadow or eye pencil, old Hollywood curles in your hair (or braids if you like Russian style... I suggest the braided bun, very cute) and ta-daan, the look is done!

Saturday, August 25, 2012

Sharing some excitement about a fresh start.


Almost back to the usual rut! Exams are approaching and I must say I'm pretty terrified, but more in a paralyzed way than in a stressful one. Also, my thoughts tend to be mainly about the start of a new academic year and my comeback to Venice, my lovely Venice. Moving has definitely been one of the best decisions of my life, not only because living on my own has given me much more freedom (not only in a concrete way- I also feel lighter, as if I was deprived of a heavy burden), but also because I've been given the privilege to explore and get to know a wonderful place which never ceases to amaze me. So, even though I can't stand the word "study" anymore, I am very excited by the start of the new year! There are some things I'm particularly looking forward to:

-Seeing the friends I made last year and this summer: unlikely last year, when I didn't know a single person, I already have some friends I can talk to and spend time with! Being a freshman is pretty exciting but also a bit scary; this year I'm definitely more confident and less in desperate need of friends, although I'm always happy to meet interesting, like-minded people! I miss my flatmates a lot and I can't wait to laugh again with them (I really think I've never laughed so much with anyone else... They're great, really.). I also miss my classmates, of whom I haven't heard for ages. Can't wait to share with them again interminable walks through Venice inbetween classes!

-Be back in a beautiful place with a great environment. Having the chance to go for a walk for me is amazing, since I don't have it where I usually live: whenever I leave my house on foot I have to bear with chaos, loads and loads of cars going very fast, no sidewalks, pollution and general squalor. When I'm in Venice, whenever I feel like walking I just put my shoes on and ask myself: "Which sestiere (venetian word for neighbourhood) I shall explore today?". I can just bring a book and sit on the edge of a canal... It's a dream.

-Having a routine. As all human beings, I hate having a routine when I have to stick to it but I do long for it when I'm free for too much time. I did have a routine to follow when I was in Moscow, but since I came back from Prague it's been a mess: waking up very late, feeling too lazy to do anything, hating the hot weather... And then realizing I've got exams to pass and I must study, study, study!

-Fall getting closer. I'm one of these people who never understood the charm of summer. I like being on vacation, I like nice weather but I loathe being all sticky and sweaty. I know we should embrace Mother Nature... but I can't deny I prefer lower temperatures, being able to drink tea and wearing some sweater or jacket. Summer is good when you're on vacation, but when you come home, unless you live in a Cohen-esque villa (O.C. reference!), it just sucks.

-New courses to attend! This year I have very interesting ones, such as Czech literature (twice the lessons as last year! I'm really happy, since at a certain point of last year I was so fed up with my other courses that this was the only one that kept me interested and awake. The professor is great, and the whole atmosphere is very stimulating- no people complaining or not caring about the subject, just a little bunch of interested students), Russian literature (we have six, and I repeat, six books to read before the start of the lessons, which will be in february. Help me! Otherwise, I'm pretty excited about eventually studying Anna Karenina, Crime and Punishment, Dead Souls...) and Slavonic Philology: it sounds difficult and hard and it's probably going to be like this, but the professor seems great.

-New opportunities and new ways to spend my spare time! Last year I realized that, even though I have to study a lot, living in the same city of my university provides me a lot of spare time (also because I just have to walk 10-20 minutes to go to lessons- no public transport, baby!- and sometimes I can just wake up forty minutes before the lesson start. Ahh!), so this year I want to use it in a better way. I'd like to find a job, and I also want to exercise e bit- maybe go running, but I'll probably choose yoga or swimming. There is a great swimming pool in Venice and I know swimming it would be really good to my body and mind. Running in Venice, on the contrary, is a very peculiar experience... Also, this year I'd like to get involved in something: being a volunteer or join some associations. Going to the theatre is on my list, too: I've already checked the schedules and I really want to see Macbeth and The Nutcracker.

Ok, so my endless list is over! I haven't mentioned the film festival that takes place in Venice every year and that is going to start in some days: the Festival del Cinema di Venezia. I haven't mentioned it because it's very elitarian and I definitely won't experience it, but I'm still pretty excited about it. Who knows if I will run into some famous director along the calli!


Tuesday, June 5, 2012


Di nuovo a casa. A volte m'assale la tristezza, ma poi capisco che il mio problema è questo: oscillo tra due opposte visioni della mia vita, senza riuscire a capire se almeno una delle due sia oggettiva. La prima è quella che mi provoca tristezza: mi vedo sola, circondata sì da amici, ma da amici che, per quanto mi vogliano bene, mi considerano sempre la seconda scelta; priva di aspirazioni e di futuro; una delusione per tutti coloro che mi conoscono; non apprezzata, come se non fossi una persona con cui vale la pena approfondire. Insomma, mi vedo come un grosso fallimento con una vita vuota, costretta a rifugiarsi nelle vite (fittizie e non) di altri che invece vivono pienamente, "succhiando il midollo della vita". Poi mi ridimensiono, e mi rendo conto che sì, non avrò una vita frenetica; sì, non avrò un ragazzo; sì, per alcuni amici probabilmente non sono la prima a cui telefonerebbero; ma perchè mi svaluto completamente e mi precludo qualsiasi possibilità? Perchè devo sempre partire dal presupposto che le persone mi troveranno strana, o antipatica, o mediocre? Va bene, forse non sono particolarmente brava a creare legami, ma dovrei accontentarmi di quelli che ho, e soprattutto accettare il fatto che non si può essere Daria e Heather contemporaneamente. Giusto? Ho le stesse possibilità delle altre persone. Devo imparare ad amare me stessa. Suona come una frase che hai sentito mille volte, lo so, ma ci credo fermamente: amare te stessa, poi gli altri. Vorrei andare a dormire e risvegliarmi cresciuta, una donna e non più una bambina. Mi risollevano (nel vero senso della parola: mi innalzano, mi avvicinano al cielo) alcune cose: guardare film ambientati nei college in epoche precedenti (prossimamente St. Trinian's), guardare film e basta, gustarmi un po' di tranquillità, leggere Kundera, rivedere gli amici, crogiolarmi in alcune fantasie, passare del tempo con la famiglia, fantasticare su Mosca, Praga e Budapest... Se non altro, qualcosa in un anno passato fuori casa l'ho imparato: ora se mi rendo conto all'ultimo che indosso una maglia stropicciata non devo tormentare mia mamma, ma riesco a destreggiarmi con il ferro da stiro; non metto più tutto tutto tutto in lavastoviglie; so fare il bucato senza che le mutande diventino fucsia; faccio la spesa con più ratio; so pulire all'incirca qualsiasi cosa (prima riuscivo a pulire il pavimento con il mocio senza strizzarlo...); so affrontare una prova senza stressarmi eccessivamente e con una preparazione adeguata; so cucinare qualcosa in più; so relazionarmi con un professore, dal basso dei miei diciannove quasi venti timidi e insicuri anni; so fare amicizia con meno pregiudizi (ma non sono diventata il dottor Havel, non prendo tutto). Se non son soddisfazioni, queste...

Tuesday, May 8, 2012


Ho letto "Just Kids". Ho letto "Just Kids" perchè avevo letto ottime recensioni, ma soprattutto perchè volevo sapere nello specifico cos'avesse fatto quella donna per cui, anche inconsciamente, provavo una certa ammirazione, quasi mi sembrasse giusto che ogni ragazza sulla terra la inserisse nella sua inspirational board, la pinnasse su Pinterest o almeno ritagliasse una sua foto e l'appendesse al muro. Ora, non conosco a fondo la musica di Patti, la mia conoscenza della sua discografia è superficiale e non va molto più in là di Horses, a parte Because the night che, andiamo, la si conosce anche se si è stati rinchiusi in una torre per tutta la vita. Ho visto qualche sua intervista, trovo alcuni suoi testi (Free money) meravigliosi, so che è una femminista, se così si può dire, che è una donna forte, che si è battuta per molte cause, inclusa quella degli Indignados. Queste poche informazioni, però, non mi soddisfacevano. Così, dopo due anni di loprendononloprendo, ho acquistato questa sua sorta di biografia, che però non è affatto incentrata sulla sua carriera da cantante e sul dopo aver sfondato, ma racconta la sua gioventù, da quando si trasferì a New York, una mingherlina ragazza di Chicago con pochi soldi in tasca e una famiglia meravigliosa alle spalle, e incontrò Robert Mapplethorpe, figura molto complessa, artista poliedrico e uomo ai limiti della follia. Ora, il racconto dell'evolversi della loro relazione e dell'importanza che per Patti ha avuto la sua presenza nella sua vita è a dir poco commovente, ma non è di questo che volevo scrivere. Ciò che mi ha colpito e che, senza dubbio, è uno dei motivi per cui una ragazza dovrebbe attaccare la sua immagine in camera (magari la copertina di Horses, scattata proprio da Robert con una camicia di seconda mano a cui Patti strappò via i polsini poco prima di scattare la foto) è la sua determinazione. Non la determinazione a sfondare o a raggiungere la fama... Questo forse era importante per Robert, ma dalle memorie di Patti scaturisce più che altro una voglia di vivere e di dare il proprio contributo al mondo straordinari. Dare il proprio contributo al mondo... La trovo una cosa meravigliosa. Nell'egoismo dilagante, mi pare stupendo che una persona abbia una visione così ampia, che non viva un'esistenza fine a se stessa, ma che offra agli altri quello che ha da dare. E poi, la voglia di vivere. Avere pochi centesimi in tasca, patire la fame, dormire nei parchi e nelle metropolitane, e avere un'incredibile sete di vita e di cultura. Andare ai musei in due ma entrare alternandosi perchè non si hanno i soldi per entrambi i biglietti. Disdegnare le compagnie troppo mondane, le persone troppo ipocrite. Conoscere persone affini e buttarsi a capofitto nell'amicizia creatasi. Amare Rimbaud fino a voler andare nella sua città natale e dormire nel suo albergo. Fare gli straordinari per potersi permettere il minimo. Vivere di quello che si ama, di arte e di musica a di poesia, perchè anche se non dà il pane, la vita è una sola. Avere il coraggio delle proprie azioni. Agire in modo impulsivo e affrontarne le conseguenze. Avere vent'anni ed essere tutto ciò. Io guardo me ventenne e vedo una persona insicura, che non sa cosa vuole, pigra, incapace di incanalare il proprio entusiasmo in qualcosa di produttivo. Vedo una persona che non si è ancora forgiata, e mi direte c'è tempo, ma a voi non capita di sentirvi inutili come succede a me? Inutili e deboli. Patti, un giorno voglio essere forte come te.

Tuesday, May 1, 2012


So yesterday I went to the cinema and watched Woody Allen's new movie, "To Rome with Love" (also known as "Nero fiddled"). I liked it and laughed a lot, but what happened to strike me the most was Greta Gerwig. Not her character, which was ok but kind of plain, but her appereance. I had recently watched Damsel in distress trailer and I remember I had thought she was very pretty in a simple and unfussy way (not much make up, natural elegance, uniqueness etc), but in this movie she's amazing! I really didn't understand why Jesse Eisenberg felt the need to fall in love with Ellen Page's character, I mean she was very pretty, okay, but really pretentious and kind of... bitchy. In the movie Greta wears the best clothes ever, she's got my ideal summer wardrobe- unfortunately, I don't think that style would suit me. I'm definitely more like Ellen Page's character, who mostly wears breezy blouses and cigarette jeans with flats or espadrillas. Greta's style is even simpler: she wears mostly shirts, but in a very casual rather than dressy way (she chooses cotton and linen, she rolls up her sleeves...). She tucks them into pants, which are very casual, too: long, big and kind of floaty. Accessories she incorporates are basic: a very masculine belt, flat sandals and a leather across-the-body bag, perfect to be filled with books (she goes to university). Her colour palette is quite boyish, too: brown, black, white, khaki, light blue (for her shirts), some touches of red... That's exactly how I would like to dress this summer, without too many frills- I spend too much time making up, choosing whether wearing these or those earrings, and sometimes I just feel overdressed or just not at ease. I can't stand seeing all those dolled up girls wearing lace dresses, killer heels and big jewellery. I want a fresher approach to fashion... And Greta is a great starting point (sorry for the calembour)!
 A scene from the beginning of the movie, where Jesse and Greta (I don't really remember their fictional names...) take out Ellen for a stroll around Rome.
 Ellen Page's character typical ouftit.

 Greta Gerwig in another movie, wearing a summery ouftit which I love!
 Greta Gerwig in "Damsels in distress".
 Jesse falling in love with Ellen... Don't do it man!
 On set with Alec Baldwin.
The couple.

Wednesday, April 11, 2012


I am a little church
i am a little church(no great cathedral)
far from the splendor and squalor of hurrying cities
-i do not worry if briefer days grow briefest,
i am not sorry when sun and rain make april

my life is the life of the reaper and the sower;
my prayers are prayers of earth's own clumsily striving
(finding and losing and laughing and crying)children
whose any sadness or joy is my grief or my gladness

around me surges a miracle of unceasing
birth and glory and death and resurrection:
over my sleeping self float flaming symbols
of hope,and i wake to a perfect patience of mountains

i am a little church(far from the frantic
world with its rapture and anguish)at peace with nature
-i do not worry if longer nights grow longest;
i am not sorry when silence becomes singing

winter by spring,i lift my diminutive spire to
merciful Him Whose only now is forever:
standing erect in the deathless truth of His presence
(welcoming humbly His light and proudly His darkness)

It may not always be so
it may not always be so;and i say
that if your lips,which i have loved,should touch
another's,and your dear strong fingers clutch
his heart,as mine in time not far away;
if on another's face your sweet hair lay
in such a silence as i know,or such
great writhing words as,uttering overmuch,
stand helplessly before the spirit at bay;

if this should be,i say if this should be-
you of my heart,send me a little word;
that i may go unto him,and take his hands,
saying,Accept all happiness from me.
Then shall i turn my face,and hear one bird
sing terribly afar in the lost lands.

Wednesday, April 4, 2012

La marinière



Vivendo in una realtà dove nulla è per più di un giorno, dove si è bombardati da migliaia di notizie
al secondo, dove non c'è tempo per fare le cose, per vivere la propria vita, per decidere chi si vuole essere, dove si è sommersi di informazioni e immagini, non vi capita di sentire la viva necessità di qualcosa di semplice?
Quella di cui io sento il bisogno è la semplicità nella forma più pura, più neutrale: non sto parlando della semplicità che viene spesso additata come mancanza di personalità, o di quella lodata perchè frugale, umile.
Tutto ciò che è caotico, barocco, complicato, elaborato, kitsch, complesso, saturo, esagerato, ridondante... Via. Voglio vedere solo il cielo limpido, l'erba verde, il piumone azzurro sul mio letto, le tende bianche, la camicia blu scuro, la tazzina di caffè, il pomodoro sulla pasta, le case tinteggiate di colori pastello, i limoni, le righe bianche e blu, le gonne plissettate, i colori della natura, le camice ampie, il lino, il canale verde, Satura, i vestiti fluidi, i blazer dal taglio pulito, i capelli i jeans morbidi.
Ragazze che portate le borse sull'avambraccio, a mò di prelievo del sangue; che nei passanti dei jeans dai mille lavaggi avete una cintura in check o ricamata con piccole G; che portate i bomber di pelle marrone con la pashmina abbinata; che sulle braccia, al collo, alle orecchie e alle mani indossate numerosi bijoux che fanno a pugni l'uno con l'altro; con il trucco che cola, con le unghie laccate; con i foulard da vecchia signora; con la polo Ralph Lauren; con i jeans aderentissimi; con la maglietta stampata, il cardigan lungo, i leggings neri e i mocassini Tod's... Non lo sentite anche voi, questo impulso?
I'm longing for simplicity.

Monday, April 2, 2012

Avevo intenzione di aprire un nuovo blog, ma con tutta la fatica che ho impiegato a rendere questo blog vagamente decente (non essendo propriamente un genio dell'html)... Insomma, ci ho rinunciato. E anche se questo blog ha dei post che risalgono al 2009 e sono decisamente adolescenziali e tutto, anche se forse lo conosce qualche persona di troppo, pazienza.
In ogni caso... Rieccomi! Ci si sente bene a riprendere in mano il proprio spazio, soprattutto così, dopo mesi di assenza... Dopo mesi senza aver scritto una parola, nè qui nè su un quaderno, una moleskine, un pezzo di carta... Niente! Solo liste di cose da fare, o di cose da comprare, o di canzoni da scaricare, e così via. Forse non tutti ne sentono il bisogno, vorrei essere capace di riordinare le idee e la mente senza mettere tutto per iscritto, ma non ci riesco. I pensieri si confondono e, alla fine, le frivolezze prendono il sopravvento. Le frivolezze! Mi pare che, ormai, occupino l'80% dei miei pensieri. Il resto è occupato da nozioni universitarie e dalle questioni "urgenti" del momento. Io non solo sostengo la necessità delle frivolezze, ma le amo; detto ciò, esse esistono solo in opposizione a un qualcosa di più profondo, qualcosa di più incisivo. Altrimenti è tutta superficialità...
Bene, il mio ipotetico lettore che ben mi conosce, ne sono sicura, è lì che aspetta il momento in cui tirerò fuori il classico bilancio della mia vita... Perchè non riesco a fare a meno di tirar le somme? Eppure non ho mai avuto l'ansia di fare, di essere...O forse sì? Ora, in ogni caso, posso dire con certezza d'essere una di quelle persone: ho la smania di conoscere, di diventare, di fare, di ottenere... E non mi godo la quotidianeità. E nonostante la mia veneranda età, sono sempre più un mostriciattolo tremendamente insicuro di sè, che teme più che mai il giudizio degli altri e ha l'ansia di integrarsi. Dio! L'università non mi ha reso per niente più rilassata... Semmai molto più tesa. Tesa è la parola d'ordine: tesa per le lezioni di russo, ad esempio, dove si sommano gli orrori più grandi: l'angoscia del non sapere + l'angoscia di non fare amicizia. Insomma, poco sotto pressione... Forse il trasferirsi è stato letale in questo senso, perchè non mi ha resa più sicura nè più rilassata (appunto)... Anche con certe persone con cui mi sono relazionata non riesco ad essere me stessa al cento per cento. Se non mi trovo pienamente con qualcuno, io automaticamente fingo. Non è che cambio da così a così, ma a volte mi sento come se esasperassi dei lati del mio carattere e ne nascondessi altri. Con altre persone che invece mi sento di capire, e sento che mi capiscono, non mi faccio problemi a mostrare la mia personalità e a comportarmi naturalmente. Questo è normale, da una parte, ma mi crea enorme stress.
Poi ci sono le solite cose tipo sono contenta di studiare a Venezia, perenne fonte di ispirazione e spunto per cose da fare, da guardare, da vivere. Sono contenta delle persone che ho conosciuto e con cui mi trovo, penso che potrebbero anche diventare dei veri amici a lungo termine... Sono contenta di trascorrere luglio a Mosca... Sono contenta di vivere da sola. Non sono pienamente contenta dei miei studi, della mia vita qui (più che altro sono insicura, ma non infelice), di me stessa. Pensavo di aver imparato ad accettarmi, ma quando mi trovo in pubblico è il panico! Insicurezza, confronto con tutte le ragazze presenti e poi con i ragazzi, ansia del giudizio, paura di fare brutta figura, fisime sull'aspetto fisico, cura eccessiva di quest'ultimo, timore della mediocrità, tensione, tensione... Sono un fascio di nervi, insomma. Un po' mi vergogno ad ammettere tutte queste cose a me stessa, ma non posso negarle! Anche se non sembra, anche se al massimo posso sembrare un po' timida o riservata, dentro di me c'è tutto questo. Più la convinzione che non è giusto, che non dovrei affatto farmi questi complessi e che sono arrivata a un'età che richiede e presuppone una certa maturità. Sono davvero queste le mie priorità? Vale la pena di investire il mio tempo e la mia mente in questi pensieri? Non c'è forse molto altro a cui interessarsi?
Ecco. Ero partita con l'idea di parlare del mio armadio, perchè mentre non scrivevo leggevo, blog come www.grayzine.com/deadfleurette, www.out-of-the-bag.blogspot.it, www.lesantimodernes.com etc etc., e pensavo che è tempo di fare un wardrobe planning serio e, anche se le ragazze dietro ai blog citati mi sembrano un po' ossessionate dal loro vestiario, mi sembra ora di dare una logica ai miei vestiti, di comprare con una ratio, di capire cosa mi sta bene e cosa evitare, di avere, insomma, un armadio con cui andare sul sicuro, con dei vestiti facili da abbinare, con dei basic, con vestiti adatti a occasioni diverse, e non un ammasso di vestiti non utilizzati che mi innervosisce ogni mattina per la mancanza di camice, magliette, bluse e maglioni, e l'eccessiva presenza di pantaloni e gonne, per l'assenza di una camicia bianca come si deve, di camice morbide che tanto mi piacciono, di una marinière, di un maglione grigio che desidero da cinque anni, da un paio di jeans meno fascianti etc etc. Insomma, sono stufa di perdere tanto tempo a vestirmi, e vorrei un armadio più ragionato, siccome l'opzione "fregarsi di cosa ci si mette" con me non funziona. Bè, tutte queste riflessioni sul mio armadio penso riflettano il mio impulso di sistemare le cose nella mia vita e giungere a uno stadio più sicuro, più maturo, più pratico. Non perfetto, per carità, ma facilitato. Che mi permetta, insomma, di dedicarmi ad altro all'infuori di me stessa...

Sunday, February 5, 2012

Di cosa avrei voglia al momento: indossare una camicia e un jeans semplici semplici, raccogliere i capelli in un bun; tornare a Copenhagen e passeggiare lungo il Nyhavn; farmi una vacanza-camping su un'isola e riavvicinarmi alla natura (immagini via ringo, have a banana).
Cosa affronterò nel giro di poche ore: freddo siberiano+neve e ghiaccio a Venezia. E non posso lamentarmi, perchè chi oserebbe? Neve+Venezia è un binomio troppo affascinante.
In ogni caso, dopo un weekend a casina, con amici/famiglia/tanto cibo/dormite fino a tardi e così via, torno alla realtà e mi getto nella routine, che ha smesso di darmi tanto fastidio: università, casa con spifferi, uscite, compagni, coinquiline, esperimenti culinari, passeggiate, nuove conoscenze, libri, docce superveloci e lavori domestici impellenti. Ci sentiamo fra un po', nel frattempo cerco di godermi Venezia innevata, se ci riesco tra gli strati di lana &co!